La Villa dei Quintili – Apertura gratuita in occasione dell’Appia Day

La Villa dei Quintili - Apertura gratuita in occasione dell'Appia Day

DOMENICA 12 MAGGIO, ore 15.30

Immersi  nel verde del Parco dell’Appia Antica, subito dopo le tombe a tumulo cosiddette degli Orazi e dei Curiazi e al quinto miglio della Regina Viarum, sorgono i resti di una fra le ville più monumentali e sfarzose del suburbio romano. Nota nel Settecento con la denominazione di Roma Vecchia per l’imponenza dei resti assimilabili alle immagini delle antiche città, la villa appartenne ai fratelli Quintili consoli nel 151 d.C.  celebri per la loro ricchezza e cultura. Così splendida da  attirare le invidie dell’imperatore Commodo, entrò a far parte del demanio imperiale dopo l’uccisione dei fratelli nel 182 d.C. voluta dall’imperatore stesso divenendo la sua residenza preferita grazie alla posizione e alla presenza delle terme. Nel corso della passeggiata di circa due ore il visitatore avrà modo di ammirare gli sfarzosi pavimenti in opus sectile e mosaico che caratterizzavano numerosi ambienti  e conoscere il complesso sistema di riscaldamento delle terme.
Appuntamento: ore 15.15 – Dove:  in Via Appia Nuova n. 1092. COSTO VISITA: € 9 (adulti), € 5 (11-17 anni).

Prenotazioni al 333.2717726

 

 

 


1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

Calendario Eventi

calendario_icona1-200x212

Clicca sull'icona del calendario per visualizzare tutti gli appuntamenti!

Coupon regalo GEA

Coupon regalo GEA

Clicca sull'immagine per maggiori informazioni!

Prossimi eventi

  • Il Parco degli Acquedotti
    26 maggio 2019 10:30
  • Il Monastero dei SS. Quattro Coronati
    31 maggio 2019 10:00

Associazione CONTESTI

logo contesti

La GEA si avvale della collaborazione di Contesti, l'associazione fondata allo scopo di organizzare e gestire nel modo migliore le attività didattiche e culturali. Attualmente Contesti si occupa in esclusiva delle visite guidate presso l'Aula Gotica dei SS. Quattro Coronati.

Facebook