ROMA, GEA: “DA 30 ANNI SCAVIAMO IL PASSATO” di Gabriele Vallarino

ROMA, GEA: “DA 30 ANNI SCAVIAMO IL PASSATO”  di Gabriele Vallarino

Se accanto a dei cantieri stradali, vedete una persona che tiene sott’occhio la ruspa e che osserva attentamente ciò che dal suolo emerge, beh, tranquilli, siete di fronte a un archeologo.

“La sorveglianza archeologica è una delle nostre attività principali”,  spiega Patrizia Rossetti – presidente della Cooperativa Gea – ovvero sorvegliamo i lavori urbani per documentare eventuali rinvenimenti e, nel caso ci fosse qualche reperto, passiamo alla fase di scavo”.

Gea nasce nel 1989 e svolge le sue attività nella regione Lazio, in particolare a Roma. Si tratta di un gruppo di liberi professionisti che lavora in collaborazione con la Soprintendenza e che quest’anno festeggia i 30 anni. “Un traguardo importante, che mostra quanta passione mettiamo nel nostro lavoro”.

Tante sono le soddisfazioni, ma non mancano le fatiche. Una su tutte, la mancanza di un albo professionale, ma nessuno si dà per vinto e c’è “la Confederazione Italiana Archeologi che da anni fa battaglia per il riconoscimento e la tutela del ruolo dell’archeologo”.

Il giudizio di Gea sulla tutela del nostro patrimonio archeologico è abbastanza positivo. “Per quanto concerne la salvaguardia i nostri siti archeologici sono tutelati”, tuttavia un voto negativo va al fatto che con un patrimonio così sconfinato, si potrebbe fare di più per cogliere il grande motore occupazionale che esso rappresenta.

La quasi totalità del tempo Gea la dedica all’indagine e alla ricerca archeologica.  D’altronde a Roma – neanche a dirlo – non si finisce mai di scoprire. In tanti anni Gea è stata protagonista di centinaia di ritrovamenti: necropoli, tracciati viari, acquedotti, ville romane, strutture murarie. L’elenco è lungo, ma non sempre ciò che desta stupore tra gli operatori di Gea ha un’eco nel grande pubblico. Perché “l’importanza per noi archeologi è relativa, mi spiego, anche se ritroviamo un oggetto di poco pregio, ma quel manufatto contribuisce alla comprensione di ciò che stiamo indagando, per noi è un momento di grande soddisfazione”.

“Ciò che conta nel nostro lavoro, in ogni caso, non è il ritrovamento isolato, ma l’insieme dei dati raccolti durante lo scavo che ci permette l’interpretazione di un determinato contesto archeologico. Questa è la finalità della nostra professione: ricostruire il passato. 

“Se non fossimo fagocitati dalle attività di scavo, dedicheremmo molto più tempo alle attività turistico-didattiche, infatti crediamo molto nell’importanza della divulgazione”. Ad ogni modo, le escursioni per Roma e dintorni non mancano: “Proponiamo un ricco calendario con appuntamenti mensili, presentando percorsi culturali dalla Preistoria all’epoca moderna; in un anno abbiamo registrato più di 1000 partecipanti”.

Ovviamente grande spazio è dedicato anche ai ragazzi e ai bambini: sono più di 300 gli alunni, provenienti da ben 30 scuole, dalle elementari alle superiori, che partecipano ogni anno ai laboratori Gea.

“Il cuore delle nostre attività didattiche viene svolto presso l’area ludico-didattica di SottoSopra, nata dalla collaborazione tra la Soprintendenza ed Explora. Facente parte del Museo Diffuso del Rione Testaccio, lo spazio è accolto nel Nuovo Mercato tra il soprannominato ‘Monte dei Cocci’ e l’antico porto fluviale di Roma. Con i suoi allestimenti espositivi accompagna grandi e piccini alla scoperta del commercio romano e della storia del Rione Testaccio, attraverso i reperti e gli edifici rinvenuti sotto il nuovo mercato e in aree limitrofe. Qui organizziamo laboratori multisensoriali per vivere l’esperienza del lavoro dell’ archeologo, proponendo laboratori tematici dalla preistoria all’epoca romana”.

Gea anche quest’anno è partner della Notte europea dei Ricercatori, coordinata da Frascati Scienza e sul tema “Citizen Science” anche lei ha molto da dire.  “Anche nel campo dell’archeologia ogni cittadino può fare la sua parte, come? Impegnandosi a diffondere una cultura di rispetto per il patrimonio archeologico, che rappresenta un tesoro di tutti, sembra una cosa scontata, eppure è di estrema importanza e ce n’è tanto bisogno”, conclude Rossetti.

https://www.frascatiscienza.it/2019/07/roma-gea-da-30-anni-scaviamo-il-passato/

 

 

 


1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

Ai “migliori anni della nostra Gea”

Signore e Signori son qui per parlare
ma di certo il poeta non so proprio fare.
Perdonate dunque la mia esitazione,
cercherò di sopravvivere a questa emozione.
Poche parole dovrete ascoltare
da chi, come me, non sa presentare
ma vuole soltanto, per un solo momento,
dirvi due cose su un bell’argomento.
Siam qui riuniti per festeggiare
"trent’anni" di vita nel ricercare
quel che a coloro che ci han preceduto
è per fortuna sopravvissuto,
giungendo spesso, così imponente,
da far tremar tutta la gente,
che spesso ignara, oppur cosciente,
scavava tutto cercando il niente.
Ma un muro antico a volte intatto,
ti può portar pure allo sfratto!
Case, villini, proprietari e inquilini,
nessun privilegio, nessuna amnistia,
quei “quattro sassi” tutto spazzan via!
Luce, telefono, acqua e metano,
dottore, la prego, ci dia una mano!
Architetto, geometra, bella signora,
non vogliamo aspettare neanche più un’ora.
Di qui non si passa, il traffico intralcia,
si sbrighi, che fa, si gratta la pancia?
Non vede che ho fretta, non riesco a passare,
son solo “due cocci” ma che ci vuoi fare!
“A Roma ndo’ scavi trovi sempre quarcosa,
ma che n’ch’o sai, è ‘na vecchia storia!
Mi’ nonno abitava proprio qui dietro,
ha visto la guera e conosciuto San Pietro!
Mi’ zio c’è cresciuto e spesso diceva
che quarcuno ce stava ma che ‘sto morto nun c’era.”
“Che bel lavoro, ci vuole passione,
è il mio sogno e la mia aspirazione,
anche se poi diciamola tutta:
‘sta bella roba, un mio amico, la tiene in soffitta!
Ma è sempre meglio che vedé ‘sti pezzettini
ammucchiati e ammuffiti nei magazzini.
A casa c’ho un vasetto, un bell’oggetto,
se glielo porto mi ci trova un difetto?
Quanto può valé ‘sta strana moneta
che mi’ cugino ha trovato ‘n pineta?
Se esce un tesoro, facciamo così:
un pò me lo prendo e un pò resta qui!
Vuoi dire che a casa non c’hai proprio niente:
un vaso, una statua, un prezioso pendente?
Quel tale a Cerveteri tanti anni fa
ha trovato una tomba...che qualità!”
La gente ci parla, racconta e non sa
che con le “Belle Arti”...non ci abbiamo a che fa’!
Ma oggi siam qui e vogliam celebrare
il passato, il presente e poter raccontare
di una società che ha per nome la “terra”
e che i nostri sorrisi da sempre risveglia.
Quante cose successe in questi trent’anni che a raccontarlo son gioie ed affanni.
Qualcuno non c’era tanti anni fa,
qualcuno da allora è arrivato fin qua,
poteva sembrare una dura missione
ma il tempo paziente gli ha dato ragione.

Ed eccoci ora qui a ringraziare
tutti coloro che han saputo creare
con i sacrifici e le grandi rinunce
la GEA S.C.ar.l., non una qualunque.
A tutti è rivolto questo messaggio
a chi ha avuto torto e a chi è stato saggio.
A chi poi è rimasto onesto e coerente
e a chi si è spostato in un’altra corrente.
A chi ha creduto di potercela fare
ma anche a chi ha scelto una vita normale.
A tutti i colleghi, vicini e lontani,
che sempre ci han teso le loro mani.
A tutti quei soci di un tempo e di adesso,
a chi è rimasto, comunque e lo stesso.
(Claudia Corsello)

Calendario Eventi

calendario_icona1-200x212

Clicca sull'icona del calendario per visualizzare tutti gli appuntamenti!

Coupon regalo GEA

Coupon regalo GEA

Clicca sull'immagine per maggiori informazioni!

Prossimi eventi

  • Il Monastero dei SS. Quattro Coronati
    22 ottobre 2019 10:00
  • Il Monastero dei SS. Quattro Coronati
    22 ottobre 2019 16:00

Associazione CONTESTI

logo contesti

La GEA si avvale della collaborazione di Contesti, l'associazione fondata allo scopo di organizzare e gestire nel modo migliore le attività didattiche e culturali. Attualmente Contesti si occupa in esclusiva delle visite guidate presso l'Aula Gotica dei SS. Quattro Coronati.

Facebook