Tombe dei giganti e “medicina vibrazionale”

Tombe dei giganti e "medicina vibrazionale"

Meravigliosa Sardegna nuragica: bella e selvaggia, con profumi mediterranei e località sperdute che si raggiungono solo con una buona e dettagliata guida. Monumenti più o meno noti e famose aree archeologiche (mantenute pulite e ordinate, come quella di Arzachena) che regalano ai visitatori un salto all’indietro nel tempo in territori spesso ancora incontaminati. Spettacolari le Tombe dei giganti, con la loro simbolica porticina d’accesso all’aldilà.  Ma attenzione alle vibrazioni! Sempre più spesso, durante le escursioni, ci si imbatte in gruppi di visitatori che letteralmente si piazzano seduti lungo le pietre e le steli che compongono l’esedra per godere dei benefici di ipotetiche energie positive. Trattasi di geobiologia: in sintesi degli effetti positivi sugli esseri viventi delle radiazioni elettromagnetiche cosmiche e telluriche. Secondo i fautori di queste teorie, i monumenti nuragici sarebbero stati eretti in punti cardini per le vibrazioni positive e da ciò ha preso ormai avvio un vero e proprio turismo alla ricerca di queste speciali località, e la terapia consiste proprio nel rimanere a diretto contatto, per un tempo più o meno lungo, con le pietre erette migliaia di anni fa.

Peccato però per chi vuole ammirare le strutture archeologiche nel loro insieme o nel dettaglio: se ci si imbatte in un gruppo dei suddetti turisti a caccia di vibrazioni positive per curare i loro malanni, sarà impossibile osservare i monumenti in tranquillità o scattare fotografie senza inquadrare persone “incollate” alle steli. Convinti di intraprendere una vera e propria terapia medica, rimangono lì, fermi, per decine di minuti, totalmente incuranti della frustrazione di chi vuole semplicemente osservare le strutture archeologiche, e magari ha compiuto un lungo viaggio per raggiungerle.

Certo, la suggestione dei luoghi è molto forte, l’impressione data da strutture monumentali costruite migliaia di anni fa ci colpisce nel profondo, il pensiero che proprio lì si sono compiuti antichi e misteriosi riti ci coinvolge ed esalta, ma credo che occorra non farsi prendere troppo la mano e soprattutto ricordarsi di rispettare i “semplici” visitatori evitando di occupare i monumenti per tempi troppo lunghi.

Propongo quindi di  istituire un doppio orario per le visite a scopo terapeutico e quelle turistico-didattiche, un pò come in alcune chiese – mutatis mutandis – in cui è vietato effettuare visite guidate durante le messe.

B.


1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

1 Giugno 2019: la GEA compie 30 anni di attività!

Ai “migliori anni della nostra Gea”

Signore e Signori son qui per parlare
ma di certo il poeta non so proprio fare.
Perdonate dunque la mia esitazione,
cercherò di sopravvivere a questa emozione.
Poche parole dovrete ascoltare
da chi, come me, non sa presentare
ma vuole soltanto, per un solo momento,
dirvi due cose su un bell’argomento.
Siam qui riuniti per festeggiare
"trent’anni" di vita nel ricercare
quel che a coloro che ci han preceduto
è per fortuna sopravvissuto,
giungendo spesso, così imponente,
da far tremar tutta la gente,
che spesso ignara, oppur cosciente,
scavava tutto cercando il niente.
Ma un muro antico a volte intatto,
ti può portar pure allo sfratto!
Case, villini, proprietari e inquilini,
nessun privilegio, nessuna amnistia,
quei “quattro sassi” tutto spazzan via!
Luce, telefono, acqua e metano,
dottore, la prego, ci dia una mano!
Architetto, geometra, bella signora,
non vogliamo aspettare neanche più un’ora.
Di qui non si passa, il traffico intralcia,
si sbrighi, che fa, si gratta la pancia?
Non vede che ho fretta, non riesco a passare,
son solo “due cocci” ma che ci vuoi fare!
“A Roma ndo’ scavi trovi sempre quarcosa,
ma che n’ch’o sai, è ‘na vecchia storia!
Mi’ nonno abitava proprio qui dietro,
ha visto la guera e conosciuto San Pietro!
Mi’ zio c’è cresciuto e spesso diceva
che quarcuno ce stava ma che ‘sto morto nun c’era.”
“Che bel lavoro, ci vuole passione,
è il mio sogno e la mia aspirazione,
anche se poi diciamola tutta:
‘sta bella roba, un mio amico, la tiene in soffitta!
Ma è sempre meglio che vedé ‘sti pezzettini
ammucchiati e ammuffiti nei magazzini.
A casa c’ho un vasetto, un bell’oggetto,
se glielo porto mi ci trova un difetto?
Quanto può valé ‘sta strana moneta
che mi’ cugino ha trovato ‘n pineta?
Se esce un tesoro, facciamo così:
un pò me lo prendo e un pò resta qui!
Vuoi dire che a casa non c’hai proprio niente:
un vaso, una statua, un prezioso pendente?
Quel tale a Cerveteri tanti anni fa
ha trovato una tomba...che qualità!”
La gente ci parla, racconta e non sa
che con le “Belle Arti”...non ci abbiamo a che fa’!
Ma oggi siam qui e vogliam celebrare
il passato, il presente e poter raccontare
di una società che ha per nome la “terra”
e che i nostri sorrisi da sempre risveglia.
Quante cose successe in questi trent’anni che a raccontarlo son gioie ed affanni.
Qualcuno non c’era tanti anni fa,
qualcuno da allora è arrivato fin qua,
poteva sembrare una dura missione
ma il tempo paziente gli ha dato ragione.

Ed eccoci ora qui a ringraziare
tutti coloro che han saputo creare
con i sacrifici e le grandi rinunce
la GEA S.C.ar.l., non una qualunque.
A tutti è rivolto questo messaggio
a chi ha avuto torto e a chi è stato saggio.
A chi poi è rimasto onesto e coerente
e a chi si è spostato in un’altra corrente.
A chi ha creduto di potercela fare
ma anche a chi ha scelto una vita normale.
A tutti i colleghi, vicini e lontani,
che sempre ci han teso le loro mani.
A tutti quei soci di un tempo e di adesso,
a chi è rimasto, comunque e lo stesso.
(Claudia Corsello)

Calendario Eventi

calendario_icona1-200x212

Clicca sull'icona del calendario per visualizzare tutti gli appuntamenti!

Coupon regalo GEA

Coupon regalo GEA

Clicca sull'immagine per maggiori informazioni!

Prossimi eventi

  • Il Mausoleo di Cecilia Metella Ingresso gratuito in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio
    22 settembre 2019 10:30
  • Il Monastero dei SS. Quattro Coronati
    24 settembre 2019 10:00

Associazione CONTESTI

logo contesti

La GEA si avvale della collaborazione di Contesti, l'associazione fondata allo scopo di organizzare e gestire nel modo migliore le attività didattiche e culturali. Attualmente Contesti si occupa in esclusiva delle visite guidate presso l'Aula Gotica dei SS. Quattro Coronati.

Facebook